Memoria spedita da/Memory sent by:
Carlo.Giabbanelli
il 9.1.2008



memory padre/father
Campane di Monte Nevoso



Guarda la mappa 2d dell'intero albero / See the 2D map of the whole tree


Chiunque può scrivere le sue memorie su Connected Memories _ Connected Memories è un tentativo di interpretare esteticamente le nostre memorie e la memoria in generale.
Nota: i testi che si inseriscono possono essere corretti, ma non cancellati

English

Anyone can write their own memories on Connected_Memories. Connected_ Memories is an attempt to aesthetically interpret our memories and memory in general.
Note: the inserted texts can be corrected, but not cancelled

arteco.org
aefb.org
francesco michi home page
 


riferimento temporale/time reference : anni sessanta


da chierichetto

Da bambino ho fatto il chierichetto. Tra i miei amici era quasi d’obbligo e tutti accorrevamo all’Oratorio, quando era il momento, e cominciavamo a fare carriera. Il capo chierichetto era il Gabellini; qualche anno di più, carisma da leader, eloquio posato ma assertivo. Il vice-capo era il Chieli, più alla mano (infatti eravamo molto amici), poi giù giù per vice si arrivava a me. Per l’esattezza ero il vice-vice-vice-vice-vice-vice-vice-vice-capo chierichetto perché comunque dopo di me era arrivato un altro su cui potevo comandare.
Mi ricordo l’entusiasmo per la tonaca e la cotta, che sarebbe quel coso traforato bianco che si mette sulla veste nera. In quei panni mi sentivo proprio togo; elegante direi.
Varie erano le prove a cui si veniva sottoposti prima di essere ammessi a servire la messa della domenica: aiutare il Proposto nella vestizione in sacrestia, servire le funzioni, le cerimonie, le processioni, leggere il Vangelo, oscillare con sobrietà il turibolo, sopportare stoicamente lo scolaticcio della cera fusa delle candele sulle mani, suonare le campane che a quell’epoca funzionavano ancora con le corde. Mi pare che si cominciasse con una campana piccolina, che chiamava alle funzioni, ed era relativamente agevole. Mi sa che a quelle grosse non ci sono mai arrivato. Ricordo solo una prova in Propositura durante la quale mi ritrovai sballottato per aria con la campana che spandeva suoni inauditi per il paese. Ci vuole il fisico per suonare le campane.
La mia carriera ebbe un crac fragoroso quando servii per la prima (e ultima) volta una messa solenne con tanto di coro dietro l’altare. C’erano ben tre preti e un tot di chierichetti. Il transetto era veramente affollato. Mia madre mi osservava benevola e trepidante fuori dalla balaustra, con in testa il suo fazzoletto della messa simile a un centrino da tavola.
Insomma intorno all’altare c’era una certa confusione, inoltre lo spettacolo era molto più complicato di una messa normale. Mi emozionai, persi il filo e a un certo punto mi ritrovai con un turibolone fumigante in mano che non sapevo a chi dare. Avevo da fare urgentemente qualcos’altro, così lo posai nel primo posto orizzontale che vidi. Sfortuna volle che fosse uno dei tre scranni solenni dove i celebranti a turno si sedevano durante la messa. Don Giulio andò per accomodarsi e trovò il turibolo.
Mi accorsi che qualcosa non andava perché la mamma era diventata di tutti i colori: tratteneva a stento le risa e la pipì, in un misto fra l’imbarazzo e il divertimento.



'AGGANCIA' a questa una tua memoria / 'HOOK' to this memory a memory of yours



Solo per Carlo.Giabbanelli
aggiorna o correggi
aggiungi materiale multimediale
spedisci il link a questa memoria


immetti un "VEDI ANCHE"

For Carlo.Giabbanelli only
update or correct
add multimedia files
send a link to this memory


introduce a "SEE ALSO"



Licenza Creative Commons
Questo/a opera pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 1 premio Scrittura Mutante / Winner Premio Scrittura Mutante 
Fiera del Libro Torino 2005
CONNECTED MEMORIES@FILE 2005
(Electronic Language
International Festival)

File 2005>Selected Artists