Memoria spedita da/Memory sent by:
francesco.michi
il 24.3.2005



memory padre/father
maggiolino



Guarda la mappa 2d dell'intero albero / See the 2D map of the whole tree


Chiunque può scrivere le sue memorie su Connected Memories _ Connected Memories è un tentativo di interpretare esteticamente le nostre memorie e la memoria in generale.
Nota: i testi che si inseriscono possono essere corretti, ma non cancellati

English

Anyone can write their own memories on Connected_Memories. Connected_ Memories is an attempt to aesthetically interpret our memories and memory in general.
Note: the inserted texts can be corrected, but not cancelled

arteco.org
aefb.org
francesco michi home page
 


riferimento temporale/time reference : 1976


Dyane e gite in macchina

Apribile nel tetto, la dyane 6, Citroën, stravoluta da me e da mio fratello intorno ai 20 anni. Ne avevamo una a metà. Beige.
Sospensioni molli, un’andatura tutta particolare, la possibilità per chi viaggiava dietro di alzarsi in piedi e godersi il vento in faccia, oppure stare seduti con i piedi sul seggiolino, il culo sulla spalliera e la faccia al vento.
Noi la tenevamo male, alla fine, mi sembra, c’era cresciuta dentro anche un po’ d’erba.
Noi ci trasportavamo anche l’impianto voce del gruppo musicale con cui suonavamo quando eravamo in tournée.
Mi ricordo che, quasi appena comprata, partimmo per seguire Umbria Jazz, forse 1976, io, Antonio- mio fratello -, Luciano Morini e Sergio Tossi. Sacchi a pelo e tenda. Le mattine (tardi) partenza, uno spuntino da qualche parte, arrivo nel luogo del concerto e occupazione del posto in piazza già dal pomeriggio, stendendo a terra i sacchi a pelo. Come noi, tanti, tutti. Si creava una sorta di patchwork di sacchi a peli variopinti sulla pavimentazione della piazza. Ricordo città di Castello, Città della Pieve, ma anche Perugia.
Sergio aveva preso a casa una provvista di scatolame. Quando aprimmo l’aringa, la mangiammo e bevemmo dalla borraccia comune, beh, insaporimmo la borraccia stessa per tutta la durata del restante viaggio.
Sul Trasimeno mio fratello fece un bagno. Si tolse la camicia verde che aveva portato e dentro la quale aveva sudato per il viaggio e si accorse che la camicia aveva stinto: il suo corpo era colorato di verde come quello di un ramarro.
Un giorno facemmo la spesa e per sbaglio ci dimenticammo un panello di burro sul seggiolino posteriore. Quando tornammo il panello era completamente stato assorbito dalla tappezzeria. Spolverammo tutto con smacchiatore e vai, la macchina stessa avrebbe odorato di burro e la chiosa sarebbe stata visibile per un bel po’.
E la macchina era veramente quasi nuova



'AGGANCIA' a questa una tua memoria / 'HOOK' to this memory a memory of yours



Solo per francesco.michi
aggiorna o correggi
aggiungi materiale multimediale
spedisci il link a questa memoria


immetti un "VEDI ANCHE"

For francesco.michi only
update or correct
add multimedia files
send a link to this memory


introduce a "SEE ALSO"



Licenza Creative Commons
Questo/a opera pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 1 premio Scrittura Mutante / Winner Premio Scrittura Mutante 
Fiera del Libro Torino 2005
CONNECTED MEMORIES@FILE 2005
(Electronic Language
International Festival)

File 2005>Selected Artists